Necessario tutelare il diritto alla mobilità dei cittadini

treno-pendolari-sulla-linea-brescia-milano

Da anni soffriamo i disagi di una rete ferroviaria obsoleta, l’inerzia di Trenitalia e della Regione Veneto che non capiscono l’importanza del trasporto ferroviario pubblico per i tanti pendolari del bellunese.

Oggi, siamo di fronte alla goccia che fa traboccare il vaso: il mancato trasporto dei pellegrini bellunesi fino alla stazione di Treviso per intraprendere la strada verso Lourdes. Pellegrini anziani e malati che solo grazie ai volontari hanno potuto proseguire il loro cammino, in un Paese come l’Italia dove ogni cittadino deve sopperire alla mancata lungimiranza di una classe politica che deve essere completamente rinnovata.

Prima di pensare a faraoniche autostrade di cui non si conoscono reali benefici e costi, il Veneto deve pensare all’attuazione di un progetto importante quale la metropolitana di superficie, un servizio che permetterà un sviluppo sostenibile e la creazione di un turismo diffuso indipendente dall’automobile. Un progetto fondamentale al fine di rispettare un diritto basilare dei cittadini: il diritto alla mobilità.

Siamo di fronte a scelte strategiche per il futuro della nostra Regione, è un obbligo morale della politica il recepimento delle soluzione e la condivisione degli obbiettivi con i cittadini e i comitati promotori di iniziative sul territorio.

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 23 agosto 2013


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>