5 ottobre 2013: il MoVimento 5 Stelle al Vajont

VAJONT Movimento 5 Stelle

Non dimenticare e rispettare la natura per evitare di compiere i drammatici errori del passato. E’ questo lo spirito con il quale il 5 ottobre il MoVimento 5 Stelle porterà quaranta suoi parlamentari, consiglieri comunali del Veneto e consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia, al Vajont, a 50 anni dalla tragedia che causò la morte di quasi 2 mila persone.

Era il 9 ottobre del 1963 quando alle 22.39 una frana si staccò dal Monte Toc, piombando dentro l’invaso artificiale creato dalla diga del Vajont, costruita solo tre anni prima e al tempo la più alta del mondo. Parte della conseguente onda d’acqua, che si sollevò per centinaia di metri, distrusse i paesi di Erto e Casso (Pordenone), situati nei pressi del lago, parte scavalcò bordo della Diga e raggiunse Longarone (Belluno) e i paesi limitrofi, spazzandoli via.

Nel cinquantesimo anniversario di quella tragedia, i cittadini del Movimento nelle istituzioni e attivisti del M5S visiteranno i luoghi della memoria, incontreranno cittadini, istituzioni, familiari delle vittime e sopravvissuti.
La giornata al Vajont non vuole soltanto essere il momento della commemorazione di un fatto gravissimo che, come certificato, non fu né casuale né inaspettato, ma anche l’occasione per discutere e riflettere su errori dell’uomo che, forzando la natura in nome dello sviluppo e del progresso, hanno finito poi per subirne disastrose conseguenze.

L’evento verrà trasmetto in diretta streaming su La Cosa, la tv online del MoVimento 5 Stelle.

Il programma: partenza da Longarone (9,30), visita alla diga del Vajont, al punto della frana, a Erto e al cimitero con guida e spiegazione dei fatti avvenuti (10-12,30), pranzo a Longarone (12,30-14), visita di Longarone (14-16), incontro con sindaci e autorità locali (16-17). A conclusione della giornata, una delegazione dei Parlamentari parteciperà alla veglia notturna organizzata dai “Cittadini per la memoria del Vajont”.

Foto locandina di Gianluca Gentilini

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 2 ottobre 2013


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>