OpenCivitas: finalmente disponibile per i cittadini

digitalizzazione-890x395_c

Finalmente abbiamo l’accesso per tutti i cittadini ad “OpenCivitas”, la Banca dati su spesa storica e fabbisogni standard di Comuni e Province.

Ecco la comunicazione che ho ricevuto:
Dal 18 novembre 2014, il MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) e la Società SOSE (Soluzioni per il Sistema Economico) rendono disponibili per tutti i cittadini le informazioni sui fabbisogni standard e la spesa storica dei Comuni e delle Province delle Regioni a statuto ordinario. I dati sono accessibili sul portale Collegamento a sito esterno www.opencivitas.it.
La banca dati “OpenCivitas” può essere esplorata per confrontare la spesa sostenuta dagli enti per l’esercizio delle loro funzioni fondamentali (amministrazione, gestione e controllo; gestione del territorio e dell’ambiente; Polizia locale; Istruzione pubblica; viabilità e trasporti; settore sociale) con il fabbisogno standard per quelle stesse funzioni. Il fabbisogno standard è stato stimato statisticamente in base alle caratteristiche territoriali e socio-demografiche di ogni singolo ente.
La determinazione dei fabbisogni standard (previsti dalla legge 5 maggio 2009, n. 42 sul federalismo fiscale e dal successivo decreto legislativo 26 novembre 2010 n. 216) ha visto impegnati il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Sose Spa, con il contributo di altri attori istituzionali (Ifel – istituto per la finanza e l’economia locale – come partner scientifico, ma anche UPI e ISTAT).

Per la prima volta in Italia, ogni cittadino potrà avere accesso a informazioni omogenee, utili per la valutazione delle scelte operate dagli amministratori locali, e potrà confrontare la spesa storica di un ente con il fabbisogno standard (benchmark) e con quella di altri enti simili.

In particolare, attraverso “OpenCivitas” ogni cittadino potrà accedere alle seguenti informazioni:
Fabbisogni Standard: per effettuare il confronto tra Fabbisogno Standard e spesa storica per funzione/servizio di ogni ente locale italiano.
Indicatori: per entrare nel dettaglio delle scelte gestionali e organizzative degli amministratori.
Confronto: per conoscere il posizionamento di un ente rispetto agli altri enti, con particolare attenzione a quelli simili o limitrofi.
Certificati consuntivi: per ottenere un’informazione di sintesi sui bilanci delle amministrazioni locali.
Le informazioni contenute in “Opencivitas” verranno implementate ed aggiornate costantemente sulla base di ulteriori analisi ed elaborazioni.
I dati sulla spesa storica sono relativi all’anno 2010 e nel corso dei prossimi mesi verranno aggiornati all’anno 2013.

Consiglio a tutti di visitare e di verificare con attenzione tutti i dati contenuti in questo sito, a mio parere, è una rivoluzione.

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 21 novembre 2014


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

One Comment on “OpenCivitas: finalmente disponibile per i cittadini

  1. è necessario che anche le spese gestite dalle unioni di comuni siano comprese in queste informazioni:
    per esempio per il comune di Cadoneghe (PD) il dato non è attendibile perchè mancano i costi dei servizi che sono gestiti dall’Unione Medio Brenta come è specificato nella pagina di dettaglio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>