Uniti per mettere in sicurezza il Parco del Piave di Fener

unnamed

Il Parco del Piave di Fener nel comune di Alano di Piave va messo in sicurezza.” E’ questa la richiesta che il deputato D’Incà ha inoltrato a ottobre 2015 alle autorità competenti e alla proprietà, Enel Green power.

A causa degli eventi atmosferici ricorrenti e la mancanza di opere programmate sulle sponde, le piene del Piave hanno eroso nel tempo oltre 20 metri di terreno, rendendo poco sicura la fascia del parco più prossima al fiume, recentemente recintata per motivi di sicurezza.

“Lunedi 7 marzo grazie al sindaco di Alano di Piave Serenella Bogana dando seguito alle mie richieste agli enti preposti, è stato convocato un incontro presso l’amministrazione con tutti i diretti interessatiÈ stata l’occasione per capire come affrontare, secondo le proprie competenze, il problema del dissesto idrogeologico che minaccia il parco del Piave” spiega il parlamentare dei 5 stelle.

All’incontro sono intervenuti oltre al Comune di Alano, la Provincia di Belluno, il Genio Civile, Veneto Strade, la proprietà Enel Green Power, il Consorzio Brentella, “mancava, in modo poco lungimirante” commenta D’Incà “la Regione”.

L’attuale Presidente del gruppo parlamentare M5S alla Camera, conclude: “Dalla riunione, come spesso capita, sono sorti problemi relativi alla copertura economica dell’intervento. Da sottolineare invece la disponibilità di tutti gli interessati a capire come attivarsi per salvaguardare un luogo così importante, sotto il profilo dell’aggregazione sociale, come il parco del Piave di Fener.”

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 10 marzo 2016


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>