D’Incà (M5S): “Le famiglie non siano considerate solo come numeri”

Alano-Veduta-2

Nei giorni scorsi prima della pausa estiva, anche il deputato bellunese Federico D’Incà ha portato all’attenzione della Camera dei Deputati attraverso un’interrogazione parlamentare firmata dai deputati M5S del Veneto, i problemi del gruppo Ferroli compresi quelli che attanagliano lo stabilimento di Alano di Piave che in base al piano industriale presentato la scorsa settimana non rientra più nei piani dell’azienda.

Una situazione non facile per i dipendenti che lavorano nello stabilimento del Basso Feltrino, legati ad un futuro complicato dai cosiddetti meccanismi di vendita.
I numeri nascondono una realtà lacerante per il territorio, già duramente colpiti dalla crisi” afferma D’Incà “Si tratta di donne e uomini in cassa integrazione a zero ore da un anno, che spesso non sanno come pagare l’affitto, come fare la spesa e pagare le bollette, la scuola per i propri figli e, a volte nipoti, trattandosi di maestranze anziane, che superano abbondantemente la cinquantina d’anni e non sanno come arrivare serenamente alla fine del mese, lontani come sono dalla pensione per lo sciagurato impatto della “legge Fornero”.”

Secondo il parlamentare veneto è necessario e urgente avviare un tavolo di lavoro al Mise con i rappresentanti dei lavoratori, con le istituzioni del territorio, la Giunta regionale e il Governo nazionale per scongiurare l’ipotesi degli oltre 500 esuberi.

“È necessaria infine” continua D’Incà “la ridefinizione consensuale di un piano industriale che non gravi così pesantemente sulla forza lavoro.”
Per questo motivo D’Incà e gli altri parlamentari bellunesi hanno firmato un lettera inviata al Ministro per lo Sviluppo Economico Calenda con la precisa richiesta di aprire un tavolo di crisi presso il MISE.

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 10 agosto 2016


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>