Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi: incontro importante tra dirigenza e M5S

incontro-900x702

Una delegazione del M5S con il parlamentare Federico D’Incà, ha incontrato il direttivo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi nelle figure del vicepresidente Franco Zaetta e dei consiglieri Orlando Dal Farra e Mario De Bon.

Un importante incontro per fare il punto della situazione sul delicato momento del Parco vista la mancanza ormai da lungo tempo della nomina del Presidente e le lotte intestine tra PD e Lega per accaparrarsi la poltrona.

La situazione dei parchi nazionali in Italia attualmente non è delle migliori, in quanto molti sono commissariati, senza consiglio direttivo o senza Presidente motivo per il quale abbiamo depositato come M5S numerose interrogazioni sul tema. Inoltre esiste una difficoltà oggettiva di rapporti tra federparchi e il ministero dell’ambiente.

E’ chiaro a tutti che gli obiettivi del parco sono la sua conservazione, tutela e valorizzazione, puntando sullo sviluppo sostenibile aprendosi ad esempio anche ad altri enti pubblici o a dei soggetti privati che hanno i medesimi interessi in modo che questo ente possa rappresentare un punto di forza per lo sviluppo economico, sociale e culturale del territorio bellunese.

Per far questo apprezziamo come l’attuale vice presidente Zaetta ed il direttivo mettono al centro un programma di lavoro triennale dopo attenti sopralluoghi con collaboratori e il corpo forestale, definendo le manutenzioni del territorio una priorità assoluta da eseguire.

Strade e malghe hanno assoluto bisogno di interventi per non perdere servizi e presidi fondamentali per la conservazione del territorio.

Va in questa direzione l’utilizzo degli avanzi di bilancio degli anni precedenti che, salvo i soliti problemi della burocrazia italiana, possono essere linfa vitale per l’economia del bellunese.

Crediamo infine, la direzione percosa in questo periodo possa essere l’inizio di un percorso virtuoso e che ogni nomina futura di Presidente e direttivo vada verso la competenza e l’utilizzo responsabile delle risorse, sempre troppo poche per enti di questa importanza. Non dimentichiamo infine la contiguità con il Parco di Paneveggio Pale di San Martino e tutte le sinergie che potremo avere da un rapporto di collaborazione continuo. La natura non ha confini.

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 23 settembre 2016


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>