Pensioni, Vitalizi: il M5S taglierà privilegi della Casta quando sarà al Governo

Vitalizi-1

Sono stato sospeso insieme ad altri 41 colleghi del M5S per la protesta fatta lo scorso 22 marzo in merito alla bocciatura della nostra proposta sulle pensioni nonché per l’approvazione della proposta del Pd Sereni sui vitalizi. Tutto ciò non è assolutamente tollerabile: la casta si dimostra ancora una volta casta e punisce chi, come noi, cerca di abolire i privilegi” afferma il deputato bellunese M5S Federico D’Incà.

“L’Ufficio di presidenza della Camera ha di fatto bocciato la proposta di delibera del M5S che voleva estendere la legge Fornero anche ai deputati che in futuro andranno in pensione, che avrebbe impedito ai parlamentari di andare in pensione a 65 anni (60 anni se fanno 2 mandati), percependo circa 1000 euro al mese dopo aver lavorato soltanto per 4 anni, 6 mesi ed 1 giorno. La nostra proposta è stata bocciata senza nemmeno fare uno studio di fattibilità, senza nemmeno dirci quanto e quali sarebbero stati i risparmi, pur di tenersi il loro privilegio” continua il deputato.

“La proposta della deputata del Pd Sereni che invece è stata approvata, fa finta di tagliare i vitalizi: il prelievo progressivo dovrebbe portare a un risparmio di 2,5 milioni all’anno per le casse della Camera. Ricordo che la spesa attuale è 134 milioni all’anno per cui parliamo di una proposta che comporterà un risparmio di poco più del 1%. Per buttare fumo negli occhi degli italiani, hanno infatti presentato una delibera alternativa: i vitalizi rimangono intatti, ma in maniera ipocrita si propone di prelevare 3000 euro in 3 anni a uno che prende un vitalizio di più di 70mila euro all’anno. Hanno dunque tagliato soltanto l’1%, lasciando il 99% dei privilegi” incalza D’Incà.

“La proposta del M5S sulle pensioni è stata presentata anche al Senato della Repubblica, ma al momento non è stata oggetto di voto. Per sollecitare l’Ufficio di Presidenza, la Questore del M5S Laura Bottici ha scritto al Presidente Grasso per chiedergli di convocare urgentemente l’Ufficio di Presidenza per esaminare la proposta di delibera del M5S”.

Gli stessi che hanno votato la Legge Fornero e massacrato gli italiani, ora stanno giocando sporco per fare in modo che quella legge non si applichi a loro stessi. Non possiamo tollerare oltre questo atteggiamento; per questo mi sento orgoglioso di essermi opposto a questa vergogna, la sospensione è la riprova che siamo sulla strada giusta. Con queste sanzioni non ci fermeranno, il M5S al Governo abolirà questi privilegi”.

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 7 aprile 2017


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>