JP Morgan e Veneto Banca: ecco cos’è successo

jpmorgan-660x330

Abbiamo interrogato il Ministero dell’economia e finanza per capire che tipo di affari ha fatto JP Morgan con Veneto Banca.

Di seguito trovate l’interrogazione parlamentare e la risposta che abbiamo avuto.

Interrogazione a risposta in commissione 5-09996
presentato da D’INCÀ Federico
testo presentato
Mercoledì 9 novembre 2016
modificato
Martedì 6 dicembre 2016, seduta n. 711

D’INCÀ, PESCO, RUOCCO, VILLAROSA e ALBERTI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell’economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:
da fonti stampa si apprende che Veneto Banca, il 13 gennaio 2015, delibera l’acquisto di un portafoglio di 1.200 prestiti ipotecari vitalizi (PIV) della banca JP Morgan per un valore di circa 205 milioni di euro. La tipologia di prestito risulta essere poco diffusa e particolarmente rischiosa ed un’operazione del genere posta in essere da un istituto di credito in difficoltà desta qualche perplessità;
successivamente a detta operazione finanziaria la banca JP Morgan provvede all’acquisto di 900 mila azioni di Veneto Banca appartenenti a determinati soci per un valore di 39,50 euro (pari ad un valore complessivo di 35,55 milioni di euro). Pochi mesi dopo il valore delle azioni di Veneto Banca viene rideterminato al ribasso per un valore di 7,30 euro ad azione fino ad una tendenziale valutazione pari a zero in seguito all’infruttuoso tentativo di quotazione in borsa;
da un report pubblicato dalla Banca centrale europea si evince che l’operazione di acquisto di 205 milioni euro di prestiti ipotecari vitalizi non sia stata corredata da adeguate valutazioni del rischio e sembrerebbe essere priva di specifiche motivazioni. L’operazione ha influito altresì negativamente per 5 punti base sul Cet1. Infine, così come si apprende dal report, l’operazione sembrerebbe esser stata posta in essere «(…) senza il coinvolgimento della funzione di compliance». L’operazione nel suo complesso ha implicato anche il pagamento di consulenze pari all’1 per cento del valore nominale dell’operazione alla centrale attività finanziarie e 450 mila euro ad Eidos Partners;
a dicembre 2015 si è assistito ai primi effetti negativi dell’operazione; infatti, al fine di coprire il mancato recupero di somme relative ai prestiti ipotecari vitalizi acquistati, è stato effettuato un accantonamento di 4,5 milioni di euro;
da fonti stampa si apprende che l’assemblea degli azionisti di Veneto Banca abbia deliberato un’azione di responsabilità nei confronti dei membri del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale in carica fino al 26 aprile 2014 per i danni relativi alla diminuzione del patrimonio dovuti ad eventuali condotte e decisioni illecite; per i circa 88 mila soci di Veneto Banca che sono stati danneggiati dalla svalutazione quasi totale delle azioni – il cui valore in soli due anni è passato da 39,50 euro a 1,10 euro – potrebbe essere esperibile una conciliazione la quale, però, non dovrebbe esser superiore al 20 per cento del valore delle medesime azioni;
sarebbe opportuno verificare se le eventuali condotte e decisioni illecite siano connesse ad un eventuale mancato esercizio dei compiti di vigilanza da parte della Banca d’Italia e siano da ricondurre a gravi mancanze dello stesso governatore –:
se risulti al Governo quali siano gli azionisti di Veneto Banca le cui azioni siano state acquistate, in modo diretto o indiretto, da JP Morgan;
ove i danni subiti dagli azionisti di Veneto Banca dovessero essere connessi a un eventuale mancato corretto esercizio dei compiti di vigilanza da parte della Banca d’Italia, se non si intendano avviare le procedure per la revoca del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ai sensi del comma 8 dell’articolo 19 della legge n. 262 del 2005. (5-09996)

Jp Morgan Veneto Banca

 

> Leggi anche l’articolo “Il Ministro Padoan dorme e 3 banche stanno fallendo” de Il Fatto Quotidiano

Pin It

Share This

Pubblicato giorno 26 aprile 2017


Ti é piaciuto questo articolo,
e vuoi ricevere per email i successivi?
Iscriviti alla newsletter!

One Comment on “JP Morgan e Veneto Banca: ecco cos’è successo

  1. Buongiorno,
    Mi è piaciuto perché io avevo richiesto un prestito vitalizio ipotecario a JP Morgan e ora alla morte di mia madre scopro che il mio debito è della Veneto Banca e ora forse Intesa o Sga chi lo sa di fatto la casa va a all’asta e i soldi a chi vanno?…
    Sarebbe bello un chiarimento non credete?

Rispondi a Rosanna Praticò Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>